Prima del rilascio in mare degli esemplari di tartaruga ricoverati nel Centro Recupero, applichiamo due targhette metalliche nelle pinne anteriori, sopra è incisa una sigla alfanumerica che consente il riconoscimento degli esemplari in caso di avvistamento o futuro recupero.

La marcatura satellitare consente invece di stabilire con esattezza gli spostamenti e l’habitat dell’esemplare marcato, aumentando le conoscenze sulla specie e favorendo l’adozione di strategie mirate alla conservazione.  Nel 2010 e nel 2011 abbiamo monitorato con questo sistema un’esemplare di Caretta caretta e uno di Chelonia mydas.